Blog
Home / Blog / Lo spazzolino elettrico

Lo spazzolino elettrico

Una buona igiene orale avviene attraverso la rimozione della placca batterica, preservando la dentizione sia dalla carie che da gengivite e malattia parodontale, migliorando, nel contempo, l’estetica orale.
Numerosi sono i presidi igienici utili per ottenere questo risultato ma la nostra attenzione oggi si concentra sullo spazzolino elettrico e sulle domande che esso determina:

 

Queste sono le domande più comuni che vengono poste all’odontoiatra per avere punti di riferimento sicuri nel magma delle informazioni sui presidi igienici.

Com’è nato lo spazzolino elettrico?

La letteratura riporta che il primo spazzolino elettrico risale al 1885 e fu creato da un orologiaio svedese, Fredrich Wilhelm Tornberg, ma è solo negli anni ’60 che uscirono in commercio, con poco successo, spazzolini a bassa frequenza di vibrazioni e con un movimento della testina lato a lato (side to side).
La ricerca e lo sviluppo hanno successivamente prodotto uno spazzolino elettrico con un movimento rotatorio della testina, un aumento della frequenza di vibrazione ed una serie di caratteristiche peculiari ed interessanti per ottenere una completa rimozione dei batteri.

Spazzolino elettrico
(Da Checchi et al. 2003)

Innanzitutto lo spazzolino elettrico “moderno ed efficiente” deve avere le seguenti caratteristiche:

 

Come funziona lo spazzolino elettrico?

Oltre alla riconosciuta e risaputa azione meccanica sulla superfice del dente, lo spazzolino elettrico produce una “turbolenza acustica” del fluido attorno alle setole in grado di dislocare i batteri.
Ma al di là del tecnicismo insito nello spazzolino elettrico, ciò che lo rende ormai indispensabile al paziente sono due caratteristiche essenziali: la prima è il timer che permette a ciascuno di noi di conoscere il reale tempo di spazzolamento; mentre la seconda è il sensore di pressione per cui l’azione di spazzolamento viene interrotta allorquando venga esercitata una pressione eccessiva. Questo sensore aiuta a prevenire quindi le patologie orali quali abrasioni dentali, recessioni gengivali e sensibilità delle superfici radicolari.

Recessioni gengivali
Recessioni gengivali

Come usare lo spazzolino elettrico?

Si consiglia di iniziare l’igiene partendo dalle superfici occlusali e utilizzando poco dentifricio, pari ad una lenticchia, passare poi alle superfici linguali e palatali, soffermandosi sul gruppo antero-inferiore dove il tartaro si forma più frequentemente e, per finire, alle superfici vestibolari.
Lingualmente e palatalmente la testina deve oscillare ed inclinarsi per raggiungere “al meglio” le zone interprossimali.
I tempi di spazzolamento mediamente sono di 2 minuti.
È opportuno porre particolare attenzione all’igiene orale serale in maniera tale evitare le raffiche acide provocate dalla placca residua.

Conclusioni sullo spazzolino elettrico

L’utilizzo dello spazzolino elettrico è consigliato sia per la sua bontà ed efficacia nello spazzolamento, sia per la protezione dalla eccessiva pressione spesso esercitata da paziente e, per ultimo, per la sua maggiore efficacia igienica rispetto a quello manuale.

 

Come pulire i denti con intelligenza?

 


Bibliografia:
– Radenz Wh, Barnes GP, Cutright DE.
A survey of factors possibly associated with cervical abrasion of tooth surfaces
J. Periodontol. 1976; 47: 148 – 53

– L.Checchi, G. Daprile, M. R. A. Gatto, G. A. Pelliccioni
Gingival recession and toothbrushing in an Italian School of Dentistry: a pilot study
Journal Clinical Periodontol 26 (5): 276-280; 1999

– L. Checchi, E. Farina, P. Felice, G. Laino
Lo spazzolino elettrico. Analisi della letteratura e classificazione
Prevenzione & Assistenza Dentale 2/2003, pagg. 33-45

– Yaacob M, Worthington HV, Deacon SA, Deery C, Walmsley A, Robinson PG, Glenny A
Powered/electric toothbrushes compared to manual toothbrushes for maintaining oral health
Cochrane, 17 June 2014

Massaggio gengivale studio odontoiatrico checchi Dentista a Bologna
Il massaggio gengivale nella malattia parodontale: stato dell’arte.

Il massaggio gengivale è uno dei punti fondamentali della terapia dei pazienti parodontali nei…

Read More
12.02.2020
infuso di te ricco di fluoro
Alimentazione sana per denti sani

Siamo abituati da sempre a vedere e considerare la bocca in termini…

Read More
14.08.2019
Placca batterica, sonda parodontale nella tasca, malattia parodontale o piorrea.
Piorrea e alimentazione

Come non ammalarsi di piorrea in un ambiente come il nostro dove la scelta…

Read More
31.07.2020
Ortodonzia estrattiva: il dente del giudizio viene allontanato con tecnica ortodontica dal nervo alveolare inferiore
Parestesia, dente del giudizio e nervo mandibolare

Che cosa è la parestesia e come può un dente del giudizio causare una…

Read More
20.08.2019
Menu