Blog
Home / Blog / Parodontite o piorrea: quello che il paziente deve sapere
Placca Batterica Recessione gengivale

Parodontite o piorrea: quello che il paziente deve sapere

Parodontite, piorrea e malattia parodontale sono sinonimi che indicano la medesima condizione clinica e cioè un’infezione batterica che colpisce e, nel tempo, distrugge i tessuti che circondano il dente.

Va precisato che normalmente nella nostra bocca è presente un microbiota orale –migliaia di batteri aggregati fra loro ed aderenti alle superfici dentali – che, se tenuto sotto controllo attraverso un’attenta igiene orale, viene considerato normale e fisiologico.

L’incontrollato accumulo di batteri sulle superfici dei denti sviluppa e determina invece microrganismi altamente patogeni, causa primaria sia delle carie che della gengivite e della parodontite.
Spesso il paziente non si rende conto di questa situazione dal momento che non presta attenzione a quel millimetro di placca che, sollevato durante il controllo con una sonda parodontale, può contenere più di 300 specie batteriche e che quantitativamente può essere espresso in 108 (cioè 100 milioni di batteri).
Una enormità di batteri che tutti assieme prendono il nome di placca batterica (fig. 1).

Fig. 1 Placca batterica

Gengivite: ricerca e cenni storici

Ma come facciamo ad essere certi che il sanguinamento che notiamo al mattino sul cuscino o durante lo spazzolamento sia veramente causato dai batteri?
Nel lontano 1965 un ricercatore di nome Loe pubblicò un semplice ma intelligente studio eseguito su di un ristretto gruppo di collaboratori. Questi smisero di lavarsi i denti per circa sette giorni, osservando l’insorgenza di sanguinamento gengivale da gengivite, patologia questa che poi scomparve alla ripresa dello spazzolamento.
Un’altra dimostrazione sulla causa-effetto, batteri-malattia, si ha osservando animali germ-free (ovvero allevati in ambiente sterile) i quali, non avendo batteri, presentano un perfetto parodonto senza alcun sanguinamento.

Sanguinamento, alitosi, tartaro

La parodontite-piorrea è una malattia batterica assai diffusa la cui espressione clinica è data da:

  • una alterazione dei tessuti gengivali che si ingrossano e diventano rossi/bluastri, presentando spesso un sanguinamento spontaneo durante lo spazzolamento;
  • una presenza di importante quantità di placca batterica che, calcificandosi, prende il nome di tartaro o calcolo dentale;
  • presenza di alitosi o cattivo odore a provenienza dal cavo orale;
    A volte tale patologia si accompagna a recessioni gengivali che rendono i denti più lunghi, accompagnati da ampi spazi interdentali non più riempiti dalla gengiva (fig. 2).
  • La presenza di questi segni richiede un controllo specialistico parodontale che dovrà essere effettuato, meglio se da un parodontologo, con l’ausilio di un set di 16 radiografie endorali.
    L’esame parodontale, cioè il sondaggio, il controllo delle forcazioni, la mobilità, la presenza di tasche o di recessioni, verrà raffrontato ai dati radiografici precedentemente rilevati per una ulteriore conferma o meno della patologia presente.

    Solo a questo punto si comincerà ad avere una idea più chiara dello stato parodontale della bocca del paziente e, conseguentemente, della terapia che dovrà essere effettuata.
    La visita si concluderà con test microbiologici, micologici e virali, con il profilo ematico del paziente e con un set di fotografie che serviranno non solo come ulteriore studio- controllo ma anche come raffronto con il risultato finale.

    Placca Batterica Recessione gengivale
    Fig. 2 è presente placca batterica in abbondanza, recessione gengivale. Da notale l’assenza di papille negli spazi interdentali.

    Placca batterica e terapia clinica

    Diverse sono le situazioni cliniche che, in presenza di placca batterica, possono avverarsi:

    Terapia di sostegno o di mantenimento

    Questa altra fase clinica non è che una serie di controlli trimestrali (controllo generale del cavo orale, ri-motivazione e detartrasi) mirati a mantenere la placca batterica nei limiti fisiologici e ad impedire il riformarsi di tasche parodontali. È una fase importantissima che dura tutta la vita e che va insegnata quanto prima ai figli ed alla famiglia tutta.

    Parodontite – piorrea: conclusioni

    La parodontite-piorrea è una malattia infiammatoria subdola in tutte le sue forme perché è silente, cronica e recidivante se non viene attentamente monitorata e controllata.
    Insomma, una vera e propria mina vagante che deve essere diagnosticata quanto prima e curata con l’aiuto del parodontologo e dell’igienista dentale.

    Faccette dentali
    Faccette dentali in ceramica

    La faccetta dentale è una sottile lamina di ceramica che riveste la superficie visibile…

    Read More
    17.10.2019
    spazzolini da denti malattia parodontale
    Con che cosa lavarsi i denti in caso di Malattia Parodontale?

    Il sorriso è il nostro biglietto da visita con il quale ci presentiamo al…

    Read More
    27.05.2020
    Arance vitamina C e piorrea
    Vitamina C e malattia parodontale

    Il concetto di malattia parodontale è basato essenzialmente su due componenti, da una parte…

    Read More
    26.09.2019
    Curcuma
    La curcuma: un’antica terapia anti – infiammatoria

    Tra i tanti micro e macro nutrienti con attività antiossidante ed antinfiammatoria, sia a…

    Read More
    14.01.2020
    Menu