Blog
Home / Blog / Lesioni del nervo alveolare inferiore a seguito di estrazione del dente del giudizio
Terzo molare inferiore sinistro a contatto con il canale mandibolare

Lesioni del nervo alveolare inferiore a seguito di estrazione del dente del giudizio

Tra le numerose possibili complicanze post-estrattive del terzo molare inferiore, la parestesia del nervo alveolare inferiore, sia essa transitoria o permanente, è quella maggiormente temuta e in gran parte determinata da fattori anatomici quali:

Nella foto in alto: Terzo molare inferiore sinistro a contatto con il canale mandibolare

Ruolo dell’operatore

Va infatti preliminarmente chiarito che l’operatore ha un’importante responsabilità nell’estrazione del dente del giudizio e che deve dare inizio alla procedura chirurgica estrattiva solo dopo aver preso attentamente visione degli esami radiografici (specie della TAC, in caso di dubbi sulla contiguità delle radici del dente con il canale mandibolare), degli esami ematici, della strumentazione chirurgica presente e naturalmente della presenza di un assistente alla poltrona o di un infermiere.
Ciò premesso, le complicanze che si possono avere a seguito di questo intervento vanno suddivise in due gruppi ossia quelle transitorie e quelle permanenti, con percentuali di parestesia post estrattive che variano, a seconda delle ricerche scientifiche, tra l’1.3% e il 7.8%.
La maggior parte di esse tende a risolversi spontaneamente nel giro di 6 – 12 mesi con una percentuale però di lesioni che permangono per sempre superiore all’1%.

TAC che mostra un dente del giudizio a contatto con il nervo mandibolare (evidenziato in colore rosso)

Estrazione dei germi

Il germe dentario viene definito come l’abbozzo dentario da cui si svilupperà o dal quale si sta sviluppando il dente.
L’estrazione dei germi e dei terzi molari con sviluppo radicolare incompleto comporta, fortunatamente, una minor incidenza di complicanze post-operatorie perché il processo di formazione radicolare raramente ha già stretto un rapporto di coinvolgimento con il canale mandibolare.

Si può prevenire questa complicanza?
La prevenzione delle alterazioni sensoriali a carico del nervo alveolare inferiore passa attraverso un’accurata valutazione clinica e radiografica del dente del giudizio e dell’area su cui esso insiste, un disegno di lembo accurato, uno scollamento e una retrazione del lembo (mantenendo sempre lo strumentario chirurgico a stretto contatto col piano osseo), la rimozione di osso e specialmente la sezione del dente del giudizio, procedura questa che facilita assai l’estrazione del dente stesso.
Va ricordato che tutte le estrazioni vanno sempre eseguite in assenza di placca batterica e cioè dopo aver praticato una igiene professionale (o detartrasi).
Naturalmente l’abilità tecnica e l’esperienza clinica dell’operatore, sia nella fase di preparazione che nell’esecuzione di tale procedura, sta alla base della riuscita dell’intervento. Inoltre la conoscenza dei propri limiti tecnici è sempre una garanzia sia per il paziente che per l’operatore stesso.

Conclusioni

Le lesioni dei nervi tutti dell’arcata inferiore a seguito dell’estrazione del dente del giudizio sono complicanze importanti che portano ad un deficit sensitivo dell’emi-labbro inferiore omolaterale e che possono e devono essere evitate mediante un attento esame clinico e radiografico dell’area in esame o ricorrendo ad altra tecnica, quale quella dell’ortodonzia estrattiva (LINK) ogni qualvolta appaia una stretta contiguità delle radici del terzo molare con il canale mandibolare.
Ricordiamo che in caso di danno permanente esiste la possibilità di ricostruire microchirurgicamente l’alveolare inferiore mediante un innesto nervoso.
Il paziente dovrà comunque essere informato e, nel caso decida per l’estrazione, dovrà esprimere il proprio consenso informato scritto a tale procedura.

Bibliografia

BOCCA SANA SENZA EPULIDE GENGIVALE
Estetica e benessere per la propria bocca

Che cosa vuol dire, oggi, stare bene?

Per pulirsi i denti, può essere sufficiente utilizzare…

Read More
01.05.2019
anestesia senza dolore Wand studio Checchi Bologna
Anestesia senza dolore

Il 25% della popolazione occidentale ha molta paura del dentista e specialmente dell’anestesia e…

Read More
12.07.2019
Omega 3 dieta parodontite
Piorrea ed omega 3

Le peculiarità cliniche della parodontite o piorrea sono date da aspetti infiammatori importanti con…

Read More
31.10.2019
Parandenti
Il paziente sportivo e i dispositivi di protezione: l’importanza della qualità nella realizzazione di un paradenti

Medico, odontoiatra, odontotecnico, paziente, sono questi i protagonisti che portano, se ben amalgamati, ad…

Read More
30.07.2021
Menu