Blog
Home / Blog / La lesione del nervo alveolare inferiore: considerazioni cliniche
lesione nervo alveolare

La lesione del nervo alveolare inferiore: considerazioni cliniche

[Immagine di un dente del giudizio in contiguità con il canale mandibolare]

La lesione del nervo alveolare inferiore (NAI) in campo odontoiatrico a seguito di estrazioni di ottavi inclusi (o dell’inserimento di impianti osteo integrati) è una problematica importante e che vede una frequenza statistica variabile da uno 0,8 ad un 8,4% e costituisce il danno neurologico più frequente in ambito odontoiatrico.
Questa patologia è spesso riconducibile alla contiguità delle radici del terzo molare con il nervo alveolare inferiore ed è essenzialmente causata dalle manovre strumentali eseguite dal chirurgo nella rimozione del dente stesso.

Sintomatologia Lesione nervo alveolare inferiore: sintomi

La manifestazione clinica della lesione al nervo si manifesta con una “scossa elettrica” che il paziente avverte al momento della lesione con una immediata ipoestesia o completa anestesia dell’area “labbro inferiore”, a volte accompagnata da dolore e/o da disestesie (alterazioni della sensibilità) particolarmente fastidiose.
L’evoluzione della sintomatologia è variabile e dipendente dal danno che, se lieve, regredisce e scompare, mentre, se permane per più di tre mesi, è indice di danno severo e il paziente deve essere indirizzato ad un chirurgo per una valutazione neurologica al fine di valutare la qualità del danno neurosensoriale.

Nervo alveolare inferiore infiammato, neuroma d’amputazione, dolore e terapia

Va specificato che il danneggiamento di un nervo dà origine ad un neuroma d’amputazione che può creare un “cortocircuito” con dolore.
E il dolore è la discriminante principale fra la necessità di un intervento di ricostruzione del nervo (quindi se vi è dolore il consiglio è di operare in presenza di esami neurologici positivi) con un tratto di nervo surale (piede) e l’eliminazione del neuroma, o il procedere, in assenza di dolore, con cure sintomatiche che prevedono la somministrazione di cortisone e di farmaci neurotrofici.
L’intervento chirurgico va eseguito nel periodo fra i 3 e i 12 mesi dall’evento-lesione
, comunque con celerità, ed ha una buona probabilità di successo specie per l’alveolare inferiore che essendo contenuto in un canale osseo, ha una sua guida-binario naturale, contrariamente al nervo linguale che decorre fra tessuti molli.
Quando diciamo successo ci riferiamo al nervo motorio che può anche recuperare tanto, anche al 100%, mentre per il nervo sensitivo il recupero ha una soglia limite di circa il 65%.

Esami da richiedere

I principali esami tecnici che vanno richiesti ed eseguiti sono l’elettromiografia, l’elettroneurografia (che misura la velocità della conduzione nervosa), le risposte ai riflessi tronco-encefalici, i potenziali evocati trigeminali e la soglia sensitiva da stimoli elettrici.

Conclusioni

Va specificato che l’estrazione del dente del giudizio incluso con una anatomia radicolare complessa necessita sempre di esami approfonditi radiografici che possono arrivare ad una tac al fine di valutare correttamente la vicinanza e la contiguità degli apici radicolari con il canale mandibolare ed il nervo in esso contenuto, nonché con gli altri elementi dentali presenti.
In caso di contiguità ricordiamo l’esistenza di tecniche estrattive alternative ortodontiche quali “l’ortodonzia estrattiva” che ha dimostrato il recupero di elementi dentali uniti o molto vicini al nervo alveolare inferiore.

Bibliografia:

Lo spazzolino elettrico

Una buona igiene orale avviene attraverso la rimozione della placca batterica, preservando la dentizione…

Read More
21.04.2020
Batteri parodontopatici e cancro
Batteri parodontopatici e cancro

Sono ormai numerose le evidenze scientifiche che associano un’infiammazione cronica causata da…

Read More
01.03.2022
Denti rovinati
La tecnica Checchi per una corretta igiene orale

È questo il futuro che vogliamo per la nostra bocca? Se la vostra risposta…

Read More
01.01.2021
BOCCA SANA SENZA EPULIDE GENGIVALE
Mantieni sane le tue gengive: le 10 regole auree

Vi presento i 10 steps per mantenere le gengive sane e in perfetta forma:

    Read More
    20.12.2019
Menu