Blog
Home / Blog / Il paziente sportivo e i dispositivi di protezione: l’importanza della qualità nella realizzazione di un paradenti
Parandenti

Il paziente sportivo e i dispositivi di protezione: l’importanza della qualità nella realizzazione di un paradenti

Medico, odontoiatra, odontotecnico, paziente, sono questi i protagonisti che portano, se ben amalgamati, ad un risultato finale ottimale cioè al paradenti personalizzato ad uso sportivo e/o odontoiatrico.

A chi rivolgersi per il paradenti sportivo professionale

Innanzitutto è l’odontoiatra che durante la prima visita dovrà ascoltare i desiderata dello sportivo o le necessità del paziente e cercare, con l’aiuto dell’odontotecnico, di realizzare un manufatto che sia corrispondente in primis alle esigenze del paziente e, quando possibile, anche alle sue richieste.
Successivamente andranno prese al paziente due impronte in alginate, accompagnate da una cera occlusale in massima intercuspidazione, che saranno quindi inviate all’odontotecnico che, dopo averle disinfettate, sviluppate, squadrate e ripulite da ogni altra imperfezione, le utilizzerà per realizzare quanto richiesto, cioè il paradenti o il bite.

Quale paradenti per sportivi scegliere?

Tre sono gli esempi qui riportati, eseguiti per il sottoscritto da un laboratorio odontotecnico specializzato e molto attento alle direttive tecniche: due sono paradenti eseguiti con resina termo plastica biocompatibile ad alta stabilità utilizzando dischi di spessore diverso, da 3 a 4 mm, su modelli in gesso, mentre l’altro, indicato per coloro che praticano pugilato, ha una lavorazione ancor più complessa ed accurata, con un risultato finale di un paradenti in silicone (quindi morbido) e non in resina, e con un bloccaggio anche dei denti inferiori, situazione questa importante per una migliore distribuzione delle forze durante l’impatto pugilistico.
Le forze… questo è un punto assai importante da valutare attentamente al fine di scegliere il paradenti per sportivi giusto. Vi è infatti una relazione diretta fra lo spessore del paradenti (e quindi la sua capacità di assorbire e ridistribuire le forze durante l’evento traumatico) e le forze traumatiche stesse.
In ultimo, ma non per questo meno importante, oltre alla protezione dei denti, va ricordato che lo spessore del paradenti protegge anche le labbra, impedendone la lacerazione dovuta al possibile loro impatto sui denti stessi.

Paradenti o bite morbido termostampato per arcata superiore realizzato con ercoflex, 4 mm di spessore, in varie colorazioni.
Paradenti o bite morbido termostampato per arcata superiore realizzato con ercoflex, 4 mm di spessore, in varie colorazioni.

 

 

Paradenti o bite arcata superiore rigido esternamente e morbido internamente a contatto con la gengiva, realizzato con erkoloc-pro 3mm, con colorazioni disponibili in blu, verde o trasparente
Paradenti o bite arcata superiore rigido esternamente e morbido internamente a contatto con la gengiva, realizzato con erkoloc-pro 3mm, con colorazioni disponibili in blu, verde o trasparente

 

Paradenti o bite più complesso ancorato all’arcata superiore e inferiore, realizzato in silicone “corflex” previa modellazione in cera, messa in muffola e stampaggio a iniezione del materiale, disponibile in diverse colorazioni. Può essere utilizzato dai pugili o in ambito odontoiatrico-ortodontico come posizionatore finale.
Paradenti o bite più complesso ancorato all’arcata superiore e inferiore, realizzato in silicone “corflex” previa modellazione in cera, messa in muffola e stampaggio a iniezione del materiale, disponibile in diverse colorazioni. Può essere utilizzato dai pugili o in ambito odontoiatrico-ortodontico come posizionatore finale.

Igiene del paradenti per sportivi

È importante ricordare il protocollo di disinfezione e manutenzione di tali apparecchi, che spesso viene trascurato determinando cambiamenti di colore ed odori sgradevoli.
Infatti l’igiene del paradenti va effettuato dopo l’uso, con uno spazzolamento quotidiano tramite uno spazzolino da denti dedicato con setole dure oppure uno spazzolino da unghie, utilizzando un dentifricio o compresse disinfettanti al fine di evitare una contaminazione batterica.

Custodia del paradenti per sportivi

Il paradenti, dopo l’uso, deve essere inserito in una custodia, meglio se areata, al fine di evitare qualsiasi tipologia di ristagno che faciliterebbe la contaminazione batterica.

Il paradenti utilizzato come bite

Non vanno inoltre dimenticate le funzioni proprie odontoiatriche quali quelle ritentive ortodontiche, di diagnosi e di terapia dell’articolazione temporo-mandibolare, esplicate da questi manufatti.
Questi aspetti sono ormai inglobati routinariamente nella nostra professione e saranno illustrati dettagliatamente in altra sede.

Conclusioni

-Il bite o paradenti è un dispositivo endorale, mobile in resina dura o molle che viene inserito in bocca, sulla superficie occlusale ed incisale dei denti (sull’arcata superiore o inferiore o su tutte e due, a seconda della tipologia di paradenti prescelta), per creare un corretto contatto con i denti dell’arcata antagonista, liberando i denti dalla loro abituale chiusura , proteggendoli dai trauma, eliminando eventuali tensioni miofasciali e riducendo la possibilità di fratture dentarie ed ossee dei mascellari.
-Una corretta anamnesi, un esame clinico accurato ed una successiva diagnosi devono sempre essere effettuati preliminarmente dall’odontoiatria.
-Il paradenti o bite rappresenta sempre un corpo estraneo in bocca e pertanto deve essere costruito in maniera tale da risultare ritentivo, confortevole, non solo per quanto riguarda l’occlusione ma anche per le sue dimensioni. La durata ed il tempo di utilizzo del bite dovranno essere stabiliti e concordati con l’odontoiatra.
-Si sconsiglia pertanto l’utilizzo di bite e paradenti preconfezionati in quanto non soddisfano i requisiti di precisione e non sono adattabili alle esigenze/necessità del paziente, sia di quello odontoiatrico che dello sportivo.

Bibliografia

– Green JI.
The Role of Mouthguards in Preventing and Reducing Sports-related Trauma.
Prim Dent J. 2017 May 1;6(2):27-34. doi: 10.1308/205016817821281738. PMID: 28668098 Review.

– Black AM, Patton DA, Eliason PH, Emery CA
Prevention of Sport-related Facial Injuries.
Clin Sports Med. 2017 Apr;36(2):257-278. doi: 10.1016/j.csm.2016.11.002. Epub 2017 Jan 11. PMID: 28314416 Review.

– Rowson S, Bland ML, Campolettano ET, Press JN, Rowson B, Smith JA, Sproule DW, Tyson AM, Duma SM
Biomechanical Perspectives on Concussion in Sport.
Sports Med Arthrosc Rev. 2016 Sep;24(3):100-7. doi: 10.1097/JSA.0000000000000121. PMID: 27482775 Free PMC article. Review.

– Fabio Fantozzi
Paradenti per lo sports: cos’è indispensabile sapere
Edizione Martina 2015

E Graziani,L Mori, D Cesaretti R Rizzi
Paradenti individuali:indicazioni e realizzazione
Prevenzione& Assistenza Dentale 4, 38-42 ,1991

Prima colazione e igiene orale: un binomio indissolubile
Prima colazione e igiene orale: un binomio indissolubile

Concedersi qualche gratificazione non significa diventare dipendenti… sapori, profumi, cibi, colori, benessere, felicità… tutto…

Read More
28.08.2021
Omega 3 dieta parodontite
Piorrea ed omega 3

Le peculiarità cliniche della parodontite o piorrea sono date da aspetti infiammatori importanti con…

Read More
31.10.2019
Frattura di un incisivo superiore a seguito di una gomitata durante partita di pallanuoto.
Il paradenti: come proteggere i nostri denti durante lo sport

I dati epidemiologici ci indicano l’esistenza di un trend in aumento di traumi dentali,…

Read More
01.07.2021
Epulide gengivale: che cos’è, sintomi, cause e prevenzione

È un tumore alle gengive, normalmente benigno, che ha la forma di…

Read More
05.07.2019
Menu