Blog
Home / Blog / Come guarire dalla piorrea: programma igienico
Denti belli

Come guarire dalla piorrea: programma igienico

Nel costruire un programma igienico efficace e di qualità vanno considerate 4 importanti variabili: il tempo impiegato, la pressione, l’intensità e la frequenza, variabili che devono essere capite ed armonizzate per un regolare e corretto allenamento igienico-terapeutico.

La metodologia essenziale per salvare denti e gengive

La durata o tempo impiegato per il nostro spazzolamento è la base più importante della nostro training igienico, va cioè fissato e stabilito preliminarmente un tempo ottimale per un’igiene adeguata alla patologia presente e tale tempo nel caso della parodontite è di almeno 30 minuti quotidiani in un qualsiasi momento della giornata, in una o più sedute a seconda della propria disponibilità.

L’intensità, secondo parametro di tipo qualitativo, stabilisce la velocità con cui viene effettuato lo spazzolamento e riveste un’importanza secondaria nel controllo della malattia parodontale, mentre la pressione, parametro anch’esso qualitativo, è estremamente importante in quanto misura la forza esercitata sul dente e sulla gengiva dallo spazzolino stesso, pressione che, se applicata in maniera non conforme alle indicazioni date, può essere causa nel tempo di patologie sia a carico della gengiva che del dente stesso.

L’ultimo parametro che va considerato è la frequenza che definisce il numero di volte che viene ripetuto lo spazzolamento ed è un parametro, insieme alla pressione, determinante nel raggiungere gli obbiettivi primari e secondari proposti.
Tale parametro va implementato a seconda della nostre necessità terapeutiche, del tempo libero che abbiamo o della programmazione che abbiamo elaborato o che ci è stata fornita dal parodontologo.

Gli obbiettivi del programma igienico orale

È quindi fondamentale nell’affrontare questo programma di igiene dentale avere ben chiari gli obbiettivi proposti dal parodontologo o dal dentista, sia quelli primari che, ricordiamo, si identificano in:

 

Denti belli
obbiettivi primari raggiunti tramite terapia igienica adeguata nel tempo e corretta nei presidi

che quelli secondari che si identificano in:

Questi obbiettivi si raggiungono con molta autodeterminazione, costanza e nella applicazione e consapevolezza delle 4 variabili – tempo, intensità, pressione, frequenza – tramite uno spazzolamento interprossimale mirato.

Igiene orale come stile di vita

Va infine ricordato che con il passare dei minuti tendiamo a perdere di vista i nostri obbiettivi distraendoci o stancandoci ed è quindi fondamentale la riattivazione delle sfera emotiva con creazione di rapporti positivi con quanto stiamo facendo, con le persone che ci sono attorno e specialmente con noi stessi.
In particolare, consigliamo l’uso degli stimolatori interdentali (tip e proxabrush o curaprox) per un tempo non inferiore ai 30 minuti al giorno da utilizzare preferibilmente davanti alla tv o leggendo un libro e mai in bagno se non nella prima settimana di utilizzo. Questo atteggiamento ci aiuterà nel creare un atmosfera familiare di empatia ed accettazione della nostra malattia e di quanto stiamo facendo.

Buon spazzolamento!

Bibliografia:
– L. Checchi, M. Franchi
Igiene orale e terapia igienica
Edizione Martina, 1998

– G. Biagini, V. Vasi, R. Solmi, G. Ballardini, M. Spina, L. Checchi, C. Castaldini
Modificazioni strutturali in corso di gengivite
Dental Cadmos 12/86, pag. 69-77

– L. Checchi
Manuale di igiene orale
Masson Editore, 1991

– L. Checchi, M. C. Moccoli, V. Vasi, G. Biagini
Curettage ‘non intenzionale’ e processi riparativi gengivali in corso di parodontopatie. I rapporti clinico-morfologici
Mondo Odontostomatologico 6/85, pag. 5

Massaggio gengivale studio odontoiatrico checchi Dentista a Bologna
Il massaggio gengivale nella malattia parodontale: stato dell’arte.

Il massaggio gengivale è uno dei punti fondamentali della terapia dei pazienti parodontali nei…

Read More
12.02.2020
Ortodonzia estrattiva: il dente del giudizio viene allontanato con tecnica ortodontica dal nervo alveolare inferiore
Parestesia, dente del giudizio e nervo mandibolare

Che cosa è la parestesia e come può un dente del giudizio causare una…

Read More
15.04.2021
Parandenti
Il paziente sportivo e i dispositivi di protezione: l’importanza della qualità nella realizzazione di un paradenti

Medico, odontoiatra, odontotecnico, paziente, sono questi i protagonisti che portano, se ben amalgamati, ad…

Read More
30.07.2021
La Tecnica Colorimetrica: guida al corretto spazzolamento

Ti lavi i denti ma non sai se lo stai facendo nel modo corretto?
Esiste…

Read More
24.04.2019
Menu