Blog
Home / Blog / Gengive / Piorrea: cause, sintomi e cure
placca batteria - piorrea

Piorrea: cause, sintomi e cure

“Ho la piorrea”

“Il mio papà ha perso tutti i denti per la piorrea”

“La piorrea è la malattia degli anziani, non si può far nulla contro la piorrea …”

Queste sono le domande – affermazioni – che i pazienti pongono al proprio dentista manifestando, il più delle volte, una grande rassegnazione alla perdita dei denti, considerandola fisiologicamente dovuta all’età.

Che cos’è la piorrea?

Innanzitutto piorrea è il termine popolare che individua una malattia, quella parodontale, che colpisce la popolazione mondiale per un 40-50% e con esiti, nella maggior parte dei casi, infausti, che portano cioè alla perdita degli elementi dentari.
La piorrea o malattia parodontale è quella affezione che colpisce e distrugge i tessuti che circondano il dente, ovvero la gengiva, l’osso alveolare, il legamento parodontale e il dente stesso (cemento radicolare).

Qual è l’origine e la causa della piorrea?

La causa della piorrea deve essere ricercata nei batteri, ed in particolare nell’accumulo e ristagno degli stessi sulle superfici dentali, quale elemento eziologico primario, associato poi ad altri possibili cofattori quali:

Dalla combinazione di quanto sopra descritto si può avere quindi la perdita di uno o più elementi dentari.

La piorrea è contagiosa?

Vi sono evidenze scientifiche che mostrano il passaggio di batteri parodontopatogeni da madre a figlio e tra coppie. E’ buona norma quindi, per evitare un effetto “ping-pong”, che la terapia igienica professionale venga estesa alla coppia, mentre è altrettanto importante che la mamma venga seguita durante la gravidanza (per saperne di più ne ho parlato in questo video dedicato alla salute orale in gravidanza) con richiami igienici professionali mensili dal terzo al settimo mese.

Quali sono i batteri principalmente coinvolti nella piorrea?

Da anni si indaga sulla flora batterica orale esistendo, da ormai molti anni, dei test volti ad individuare la presenza dei “batteri cattivi” che portano alla malattia.
Ma c’è di più, c’è il preoccupante sospetto che alcuni di questi germi giochino dei ruoli metafocali cioè con target lontani dalla bocca contribuendo ad una serie di patologie sistemiche quali aterosclerosi, nefropatie, diabete.

Piorrea ed Alzheimer

A questo elenco così importante e vistoso di patologie si è aggiunto, in questi ultimi 10 anni, anche l’Alzheimer una malattia neurodegenerativa fra le più difficili e dolorose con cui dover convivere.
Si è infatti scoperta una nostra vecchia conoscenza, da almeno 20 anni sotto osservazione, il Porphyromonas Gingivalis, insieme alle sue proteasi (gingipains), nel cervello dei malati di Alzheimer.

Piorrea e Treponema Denticola

Ma anche sul Treponema Denticola, germe della famiglia delle spirochaetaceae, (per intenderci la famiglia della sifilide con il treponema pallidum) grava il dubbio di lesioni a distanza vista la sua capacità di deporre sostanze beta-amiloidi su cellule neuronali.

Come curare la piorrea

Insomma pur non essendoci ancora un’immediata e totale comprensibilità sui rapporti fra placca batterica e malattie degenerative e comunque patologie a distanza, è logico, lecito e consequenziale pensare che la rimozione di questi batteri con un’igiene domiciliare appropriata, con visite specialistiche presso un parodontologo, con un immediato test microbiologico e con successive terapie causali e chirugiche, debba essere considerata da tutta la popolazione italiana una priorità assoluta.


Bibliografia:

– L. Checchi, G. Ciapetti, G. Monaco, G. Ori
The effects of nicotine and age on replication and viability of human gingival fibroblast in vitro
Journal of Clinical Periodontology 26 (10): 636-642; 1999

– L. Checchi, M. Montevecchi, M. R. A. Gatto, L. Trombelli
Retrospective study of tooth loss in 92 treated periodontal patients
Journal Clinical Periodontol 29: 573-578; 2002
– L. Checchi, P. Felice, M. Gatti, M. R. Gatto
Fattori microbiologici in pazienti parodontali
Dental Cadmos 3/2004, pagg. I-XV

– M. Montevecchi, F.Angelini, V. Checchi, M. R. Gatto, L. Checchi
Microbiological Distribution of Six Periodontal Pathogens Between Untreated Italian and Dutch Periodontal Patients
Oral Health & Preventive Dentistry, Vol. 14, n. 4, 2016, 329-337

– L. Checchi, M. R. Gatto, V. Checchi, F. Carinci
Bacteria prevalence in a large Italian population sample: a clinical and microbiological study
Journal of Biological Regulators & Homeostatic Agents, 2016, Vol 30, n. 2, 199-208

– SS. Dominy et al.,
Porphyromonas gingivalis in Alzheimer’s disease brains: Evidence for disease causation and treatment with small-molecule inhibitors
Sci Adv. 2019 Jan 23;5(1):eaau3333.

https://youtu.be/TAfmVP2lF-M
Featured Video Play Icon
Come curare le gengive che sanguinano

Le gengive che sanguinano spesso durante lo spazzolamento ed il sangue che si trova…

Read More
31.07.2019
Epulide gengivale: che cos’è, sintomi, cause e prevenzione

Che cos’è l’epulide gengivale

È un tumore alle gengive, normalmente benigno,…

Read More
05.07.2019
Gengive Sane e denti Belli Studio Checchi Bologna
Gengive sane e denti belli: l’estetica della bocca

Parlare di gengive sane implica il necessario coinvolgimento degli elementi dentari in quanto la…

Read More
16.09.2019
Menu