Blog
Home / Blog / Terapia parodontale: il massaggio gengivale nella piorrea
https://www.youtube.com/watch?v=5sfGA4EUd9I
Featured Video Play Icon

Terapia parodontale: il massaggio gengivale nella piorrea

Il massaggio gengivale è uno dei punti fondamentali della terapia dei pazienti parodontali nei processi di guarigione delle tasche gengivali e nel mantenimento dei risultati ottenuti.

Mentre nel paziente sano gengive ed osso sono congruenti ed aderenti l’uno all’altro con un modico spazio (che può variare da 0 a 4 mm), nel malato parodontale questa distanza si espande fino a raggiungere l’apice del dente, riempendosi di una flora batterica (germi) che esercita un’attività altamente patogena, infiammatoria e distruttiva nei confronti di tutti i tessuti di sostegno del dente, cioè del parodonto, fino ad arrivare alla perdita del dente stesso perchè non più supportato dai tessuti circostanti.

Ed è prima che si arrivi a questa fase finale di collasso anatomico, che bisogna intervenire, sia professionalmente che domiciliarmente.
Ed è di quest’ultima fase che oggi vogliamo occuparci.

Come risanare le gengive con il massaggio gengivale

Premesso che queste note sono dedicate solo e soltanto a chi soffre di parodontite e non ai soggetti sani, l’obbiettivo dei pazienti malati deve essere non solo quello di rimuovere completamente la placca batterica ma anche e specialmente quello di ricreare quelle unicità di vicinanza osso – gengiva, gengiva – osso che ritroviamo nella normalità.

Ed allora fra le tante tecniche di spazzolamento vi proponiamo una “tecnica di compressione intrapapillare”, tecnica da me per tanto tempo insegnata all’Università di Bologna sotto il nome di terapia igienica, semplice e di facile esecuzione e basilare per ottenere un controllo efficace e veloce della malattia da parte del paziente.
Essa si basa sull’utilizzo per almeno 30 minuti/die, meglio di sera, di uno spazzolino interdentale chiamato anche proxabrush che, infilato fra un dente e l’altro, oltre a rimuovere la placca dale superfici dentarie, se premuto sulle gengive con movimento di fuori-dentro, riduce la tasca gengivale e conseguentemente il numero di germi ivi presenti.
Tale procedura porta anche ad un altro grande vantaggio, quello cioè di rendere cheratinizzata, ovvero più resistente, la zona papillare che è il primo ingresso dei batteri nel parodonto.
E non è poco pensare che tutto questo può essere effettuato dal paziente stesso nella propria abitazione e comodamente seduto davanti alla tv o al computer.

Tale procedura porta a risultati incredibili di cui il paziente stesso può prendere atto: la gengiva ritorna ad essere rosa-fibrosa, il cattivo odore spesso presente in questa malattia si affiovolisce o svanisce, la mobilità dentaria diminuisce, il sanguinamento cessa e l’auto percezione di questi cambiamenti facilita l’aumento dell’autostima del paziente nel proseguire ed intensificare la terapia .

Ecco quindi riassumendo le 10 regole che dovete rispettare:

  1. accertarsi preliminarmente mediante una visita specializzata da un parodontologo di essere affetti da malattia parodontale ed in quali aree della bocca (cioè se la malattia parodontale è generalizzata o localizzata)
  2. comprare ed utilizzare per almeno 30 minuti/die uno stimolatore interdentale di forma appropriata allo spazio presente, più piccolo nelle aree anteriori e più largo nelle zone posteriori, infilandolo fra i denti e massaggiando ripetutamente, spingendo lo stimolatore verso l’osso
  3. il movimento va eseguito dalle guance (vestibolarmente) verso la lingua e dalla lingua verso le guance
  4. lo spazzolamento va eseguito a secco utilizzando la propria saliva quale lubrificante
  5. ricordarsi di cambiare spesso gli spazzolini in quanto, specie all’inizio, si consumano, perdendo setole ed efficacia
  6. lo spazzolino interdentale non deve “ballare” nello spazio interdentale ma deve impegnarsi con un minimo di difficoltà; va quindi scelto uno spazzolino interdentale di grandezza adeguata allo spazio presente
  7. è consigliabile avere due stimolatori interdentali, uno per le aree strette ed uno per gli spazi interdentali più larghi
  8. se la gengiva è infiammata è facile che, specie all’inizio, essa sanguini ma nel tempo questo fenomeno, con lo spazzolamento interprossimale, deve cessare nel tempo e quando questo avviene è indice di miglioramento
  9. a parte la prima settimana in cui è consigliabile utilizzarlo in bagno e davanti ad uno specchio ingranditore, potete in seguito fare terapia igienica in posizione comoda e rilassata, ad esempio seduti davanti al vostro programma televisivo prediletto
  10. non vergognatevi di quanto state facendo in quanto è in gioco la vostra salute orale che è più importante di qualsiasi commento ironico da parte di qualche componente della vostra famiglia

Ed allora buona terapia igienica e buon lavoro!

 

Massaggio gengivale studio odontoiatrico checchi Dentista a Bologna
Fase 1: Stimolatore interdentale o proxabrush utilizzato con pressione orizzontale al fine di creare spazio
Massaggio gengivale studio odontoiatrico checchi Dentista a Bologna
Fase 2: Stimolatore interdentale utilizzato con pressione apicale verso l’osso per diminuire la tasca
https://youtu.be/i5fjhgXT6Cs
Featured Video Play Icon
Il ruolo dell’alimentazione nel controllo dell’infiammazione

La presenza concomitante di carenze croniche vitaminiche e di altri nutrienti non produce patologie…

Read More
09.01.2019
https://youtu.be/c2RCXseV6yM
Featured Video Play Icon
Stop alle estrazioni !

Migliaia di denti vengono estratti tutti i giorni perchè affetti da parodontite ed i…

Read More
05.11.2018
https://youtu.be/sLh5jfhJzCc
Featured Video Play Icon
Il ruolo degli integratori alimentari nella salute orale

L’uso di una serie di integratori alimentari e fitoterapici è in grado di contribuire…

Read More
26.09.2017
https://www.youtube.com/watch?v=2lBV4MEcznQ
Featured Video Play Icon
Che cosa si intende per Dental Aging?

A partire dai 30-35 anni incomincia l’aging negativo del nostro corpo e della nostra…

Read More
03.10.2018
Menu